Quali sono i segni di una reazione allergica a iodio?

Una reazione allergica allo iodio è un evento relativamente raro, anche se può essere potenzialmente pericolosa per la vita nei casi più gravi. Possibili sintomi di questa allergia sono reazioni cutanee, difficoltà di respirazione, e dolori articolari. Il tipo più grave di reazione allergica è conosciuta come anafilassi, che può essere fatale nel giro di pochi minuti senza assistenza medica di emergenza. Alcuni farmaci, in particolare coloranti di contrasto utilizzati per alcuni esami medici, contengono iodio e possono causare sintomi in quelli con una vera allergia allo iodio. Tutte le domande specifiche o preoccupazioni circa una possibile allergia iodio in una situazione individuale dovrebbe essere discusso con un medico o di altro professionista medico.

Nella maggior parte dei casi, una sensibilità di iodio provoca sintomi lievi, come una lieve febbre, disturbi di stomaco, e prurito, che non presentano alcun gravi preoccupazioni mediche. Lo iodio si trova in quantità variabili nei molluschi, anche se vi è un certo dibattito scientifico sul fatto se una reazione allergica ai frutti di mare è dovuto al contenuto di iodio.

I segni di una reazione allergica che richiedono attenzione medica immediata includono difficoltà respiratoria, dolore toracico e gonfiore del viso. Un tipo grave e potenzialmente fatale della reazione allergica nota come anafilassi è una complicanza medica grave che può causare la morte nel giro di pochi minuti. Il viso, della lingua, della gola e può iniziare a gonfiarsi, causando difficoltà di quando la respirazione o la deglutizione. Una mancanza di ossigeno al cervello può portare a danni cerebrali permanenti o addirittura la morte se i servizi medici di emergenza non sono garantiti.

Una reazione allergica anafilattica allo iodio possono causare asma di tipo sintomi, tachicardia, o vertigini. La pelle può apparire da lavare, e il paziente può parzialmente o completamente perdere conoscenza. Se uno qualsiasi di questi sintomi si verificano, un caregiver non dovrebbe tentare di guidare il paziente in ospedale. Invece, l'ambulanza dovrebbe essere chiamato in modo che le tecniche di emergenza salvavita può iniziare subito.

Quando una persona con una allergia iodio sospetta arriva in ospedale, l'obiettivo primario è di stabilizzare lui o lei fornendo ogni necessaria terapia di supporto, come la terapia ossigeno o l'uso di un ventilatore meccanico. Un IV può essere inserito in una vena in modo che eventuali farmaci o fluidi necessari possono essere introdotti direttamente nel flusso sanguigno. Dopo salute del paziente si è stabilizzato, un farmaco noto come injectible epinefrina è generalmente prescritto e deve essere effettuata dal paziente in ogni momento in caso di recidiva.

  • Lo iodio è importante per la salute della tiroide, e le reazioni allergiche ad esso sono molto rari.
  • Durante il ricovero, è in genere necessario liquidi ed elettroliti.
  • Quando una persona con una allergia iodio sospetta arriva in ospedale, l'obiettivo primario è di stabilizzare attraverso necessaria terapia di supporto, possibilmente attraverso l'uso di un ventilatore meccanico.
  • EpiPens sono utilizzati nel trattamento di gravi reazioni allergiche.