Qual è stato il primo Apex Predator?

Un predatore all'apice è un predatore al vertice della catena alimentare. Un predatore all'apice non ha altri predatori, fatta eccezione forse per gli altri membri della sua stessa specie. Predatori all'apice sono stati in giro per molto tempo, ma non per sempre. Anche se vi è qualche evidenza superficiale di predazione limitato durante il periodo Ediacaran, circa 570 milioni di anni fa, la predazione moderno non ha cominciato fino al periodo Cambriano, circa 542 milioni anni fa. Durante questo periodo, gli animali si sono evoluti gusci duri e altri segni di difesa contro predazione. Predatori evidenti cominciano ad apparire nella documentazione fossile.

La prima nota predatore all'apice era l'invertebrato molto strano, Anomalocaris (che significa "gambero anomalo"). Per il tempo in cui è vissuto, quando la maggior parte organismi erano non più di pochi centimetri di lunghezza, Anomalocaris era enorme, che vanno fino a un metro (3,3 piedi) in dimensioni. Anomalocaris avuto una grande testa, con due occhi su steli, e due spinato alimentazione "braccia" di fronte la sua bocca, che sono stati 7 pollici di lunghezza, quando completamente esteso. La bocca, uno dei più dispari in natura, consisteva di 32 piastre sovrapposte disposti in un cerchio, simile ad una fetta di ananas in apparenza. Questi piatti sono stati capovolti con i denti spinato, ed estese fino in fondo l'esofago.

Anomalocaris aveva un mezzo di locomozione simile ad una seppia - aveva due lobi flessibili su entrambi i lati del suo corpo, che è ondulata per muoversi o muovere in luogo. Questo predatore all'apice aveva una grande aragosta-like, la coda a forma di ventaglio. Il fossile era inizialmente molto difficili da identificare tre parti Anomalocaris stati scoperti separatamente e sono stati tutti pensato per essere associate a differenti organismi fino a trovare un cast corpo completo.

Al momento, la maggior parte delle prede sono stati apposta sul fondo del mare o vagava lungo di essa, anche se ci sono stati vari cnidari (parenti di meduse) e piccoli trilobiti nuoto sopra il fondo del mare. Anomalocaris avrebbe utilizzato i suoi enormi occhi, tra i primi in la documentazione fossile, per strappare i vari animali di piccola taglia e di spingere in bocca cavernosa. Anomalocaris è pensato per essere un predatore all'apice causa di vari adattamenti che indicano la sua estrema specializzazione come un predatore, e la sua relativamente grandi dimensioni. Sarebbe consumato altri, predatori più piccoli, come i suoi compagni di anomalocarids e parenti stretti come Opabinia.