Qual è la procedura più comune di trapianto di midollo osseo?

La procedura di trapianto più comune di midollo osseo è il trapianto autologo di midollo osseo. Con questo tipo di trapianto, un paziente serve come suo proprio donatore di midollo osseo. Un trapianto autologo può essere effettuata anche utilizzando cellule staminali del sangue periferico del paziente. Questa opzione è conosciuto come un trapianto di cellule staminali del sangue periferico autologo o trapianto autologo di cellule staminali. Il trapianto di midollo osseo e termini trapianto di cellule staminali vengono spesso usati come sinonimi.

Con una procedura di trapianto di midollo osseo autologo, osseo del paziente deve prima essere raccolto. Come midollo osseo si trova al centro di ossa, il paziente viene sedato in anestesia generale o regionale. Durante l'intervento, il medico inserisce aghi nell'osso pelvico o sterno per estrarre il midollo. Il midollo raccolto viene quindi elaborato per rimuovere il sangue o frammenti ossei.

A differenza della procedura di trapianto di midollo osseo autologo, un trapianto autologo di cellule staminali non comporta un intervento chirurgico. Le cellule staminali vengono raccolte dal sangue attraverso un processo chiamato aferesi, noto anche come leucaferesi. Per preparare per aferesi, il paziente viene somministrato quattro o cinque giorni di un farmaco chiamato granulociti fattore stimolante le colonie (G-CSF), che stimola il midollo osseo a rilasciare più cellule staminali nel flusso sanguigno. Il sangue del paziente viene poi rimosso attraverso una grande vena del braccio o attraverso un catetere veneous centrale, un tubo che viene inserito in una vena del collo, torace, o all'inguine. Il sangue del paziente viene prossima elaborato attraverso una macchina che filtra le cellule staminali e restituisce il sangue al paziente.

Entrambi midollo osseo raccolto e le cellule staminali del sangue periferico possono essere conservati e congelati, utilizzando una tecnica chiamata crioconservazione. Il paziente viene sottoposto a regime preparatorio o condizionamento che consiste di chemioterapia e, meno spesso, radiazioni. Lo scopo di preparare il trapianto è di eliminare completamente le cellule malate dal corpo del paziente. Durante questo processo, altre cellule vengono eliminate, consentendo auspicabilmente midollo osseo trapiantate o cellule staminali per creare un sistema immunitario migliorato che fornirà un trattamento efficace contro la malattia del paziente.

Durante la procedura di trapianto di midollo osseo autologo reale, così come nel trapianto di cellule staminali autologhe, le cellule raccolte e trasformati vengono trapiantate nel paziente attraverso un catetere venoso centrale. Le cellule poi viaggiano attraverso il flusso sanguigno e negli spazi all'interno delle ossa, dove si creano nuovo midollo osseo. Poiché non vi è alcun rischio di rigetto del corpo proprie cellule, il trapianto autologo è considerato sicuro ed è diventato più comune di trapianti di midollo osseo allogenici, in cui vengono utilizzati midollo osseo o cellule staminali da un donatore. Midollo osseo autologo o trapianti di cellule staminali possono essere prescritti per il trattamento di uno qualsiasi di una varietà di malattie, tra cui il sarcoma di Ewing, linfoma, e di alcuni tumori cerebrali.

  • Tre pezzi di osso con midollo in mezzo.
  • Durante una procedura di trapianto di midollo osseo, il medico inserisce aghi nell'osso pelvico o sterno per estrarre il midollo.