Qual è la legge sulla Child Online Protection?

Il Bambino Protection Act online, COPA abbreviato, è stata approvata negli Stati Uniti nel 1998 e ha tentato di proteggere i bambini, noti anche come i minori, da imbattersi materiale nocivo durante la navigazione on-line. L'atto ritenuto materiale nocivo per essere qualsiasi tipo di nudità o contenuto sessuale ed è stato creato per tenere i bambini di accedere alla pornografia e siti correlati. La legge afferma che coloro che vendono o distribuire qualsiasi materiale ritenuto dannoso per i minori devono impedire ai minori l'accesso loro sito. Il Child Online Protection Act è stato dichiarato l'illegittimità costituzionale per la sua violazione del diritto alla libertà di parola, e dal 2009, non è stato applicato o confermata in tribunale.

COPA non deve essere confuso con COPPA, i bambini Online Privacy Protection Act. Questa legge è stata approvata nel 1998 e dal 2010 è ancora in vigore negli Stati Uniti. Si limita ciò che una persona o società online può fare con le informazioni personali raccolte da parte di qualcuno di età inferiore ai 13 anni.

Sotto il Bambino Protection Act online, una società o persona in esecuzione di un sito web con contenuti per adulti sarebbe stato richiesto di avere visitatori entrano in una forma di identificazione personale per accedere al sito. Questo potrebbe essere un numero di identificazione, numero di carta di credito, o un codice di accesso. Tutte le informazioni raccolte al fine di identificare una persona come un adulto e non un minore è stato considerato privato e che era illegale per il business di distribuire o utilizzare queste informazioni in un modo diverso per l'identificazione.

Un'eccezione alla regola di materiale nocivo è stato considerato materiale didattico o utilizzati a fini scientifici. Immagini o illustrazioni del corpo umano utilizzati allo scopo di insegnare ai bambini circa l'anatomia umana e di come funziona il corpo sono esempi di eccezioni. Essi non sarebbero considerati come nocivi o illegali ai sensi della legge sulla Child Online Protection.

Secondo la legge sulla Child Online Protection, i genitori sono responsabili della cura per i loro figli, ma Internet rende più difficile per i genitori a proteggere un bambino da contenuto sessuale. Così la responsabilità ricade sul governo per garantire che i bambini non accedono materiale dannosi in linea. Mentre legge il Child Online Protection richiede i distributori per verificare l'identità e l'età della persona, coloro che non sono direttamente responsabili per la distribuzione del materiale non sono ritenuti responsabili. Questo protegge i fornitori di servizi Internet e le aziende che i siti vengano addebitati se uno dei loro clienti distribuisce materiale dannoso per un minore host.

  • Il Child Online Protection Act è destinato a mantenere i giovani al sicuro da materiale inappropriato quando sono su Internet.
  • Secondo la legge sulla Child Online Protection, i genitori sono responsabili della cura per i loro figli, anche se questo può essere difficile per i genitori a che fare con Internet.