Qual è il rapporto tra politica fiscale e della domanda aggregata?

Il collegamento tra la politica fiscale e la domanda aggregata è il fatto che la politica fiscale è un fattore macroeconomico utilizzato dai governi per influenzare il livello di consumo dei consumatori in un'economia. Questo può essere dovuto ad un identificato necessità di un aumento del consumo o il desiderio di rallentare il consumo in vista di raffreddamento un mercato surriscaldato. Esempi di come sono collegati politica fiscale e la domanda aggregata può essere visto nell'uso della tassazione, spesa pubblica e altre politiche governative come esportazione e importazione dazi ad influire sul consumo dei consumatori.

Un esempio della relazione tra la politica fiscale e la domanda aggregata è una situazione in cui il governo aumenta o diminuisce l'imposta sulle società, con l'obiettivo di incoraggiare gli investimenti di capitale e le spese per l'economia. Ad esempio, il governo potrebbe offrire sgravi fiscali ad alcune industrie come mezzo per favorire una maggiore attività e gli investimenti in questi settori. Le detrazioni fiscali possono includere fattori come riduzione fiscale, che sarà anche incoraggiare gli investimenti più stranieri nel paese a causa del regime fiscale favorevole nella zona. Questo tipo di manipolazione fiscale è importante perché può servire come base per maggiori investimenti, un aumento dell'offerta, e un aumento della domanda aggregata dei consumatori di prodotti.

Quando un paese esporta merci, il risultato è l'aumento della domanda aggregata di beni provenienti da quel paese. Questo tipo di domanda scorre dall'esterno del paese ed è influenzata da fattori quali regolamenti fiscali e di esportazione. Se vi è una quota in luogo mettere un tappo sulla quantità di determinate merci che possono essere esportati in un determinato periodo, questo avrà un effetto negativo sul volume delle esportazioni e della domanda aggregata totale. Il governo può incoraggiare l'esportazione merci dal paese attraverso la riduzione dei dazi doganali e di altre tariffe commerciali e imposte, che stimolerà l'economia attraverso un aumento della domanda di beni provenienti da quel paese. Un altro modo in cui il governo potrebbe tentare di limitare la domanda di alcuni prodotti potrebbe essere quella di mettere un divieto di importazione o l'esportazione delle merci per un periodo stabilito.

La politica di bilancio e la domanda aggregata sono collegati con la decisione del governo di aumentare o diminuire la spesa. La decisione di limitare il pagamento delle indennità di disoccupazione e di altre prestazioni sociali influenzano anche la domanda aggregata. Qualsiasi aumento governativa o diminuzione delle imposte sul reddito ha un effetto sulla domanda aggregata totale. Ad esempio, la decisione di aumentare le tasse sul reddito riduce il reddito disponibile e di conseguenza ridurre la domanda.