Esaminando il ruolo dei monasteri del buddismo

Monaci e monache buddisti hanno tradizionalmente ceduto i loro attaccamenti mondani in favore di una vita semplice dedicata ai tre corsi di formazione del buddismo:

  • Precetti: condotta etica
  • Concentrazione: la pratica della meditazione
  • Saggezza: studio Dharma e intuizione spirituale diretta

Per sostenere questi sforzi, monasteri sono generalmente distinguono dalla solita confusione della vita ordinaria. Alcuni monasteri sono situati in ambienti naturali relativamente isolate come le foreste e le montagne; gli altri sono situati in prossimità o addirittura in villaggi, città e grandi città dove si riescono a crescere da soddisfare le esigenze dei loro abitanti per la contemplazione silenziosa e le esigenze dei sostenitori laici di arricchimento spirituale.

Ovunque si trovino, i monasteri hanno tradizionalmente mantenuto un rapporto di interdipendenza con la comunità laica circostante. Ad esempio, nella tradizione Theravada, monaci e monache si basano esclusivamente su sostenitori laici per il loro cibo e sostegno finanziario. La tradizione vieta monaci (un termine generico per i monaci e le monache) di crescere e acquistare cibo o guadagnare o addirittura portare soldi. Così i monaci e le monache, spesso fanno elemosina regolari turni ai villaggi e città (durante il quale essi ricevono cibo da loro sostenitori) e aprono le loro porte ai laici di ricevere contributi di denaro, cibo, e il lavoro.

Allo stesso modo, i monasteri buddisti tibetani sono spesso situati vicino città o villaggi. I monasteri disegnano i loro membri e il loro sostegno materiale da queste comunità vicine. Lo scambio funziona in due modi. I laici sia in Tibet e Sud-Est asiatico beneficia tradizionalmente dagli insegnamenti di Dharma e saggi consigli offerti dai monaci e monache.

In Cina, le regole monastiche cambiate per permettere monaci e le monache a coltivare il proprio cibo e gestire i propri affari finanziari, che ha permesso loro di diventare più indipendenti di sostenitori laici. Come risultato, molti monasteri in Cina, Giappone e Corea sono diventati mondi a se stessi, dove centinaia o addirittura migliaia di monaci sono riuniti per studiare con docenti di primo piano. Qui il comportamento eccentrico, misteriose storie di insegnamento, e gergo unico di Zen fiorirono.

Nonostante le loro differenze dottrinali, architettonici e culturali, monasteri buddisti sono molto simili nella pratica quotidiana favoriscono. In generale, i monaci e le monache si alzano presto per un giorno di meditazione, canto, rituali, lo studio, l'insegnamento, e il lavoro.