Dieci famosi Chitarra Pioneers

Indipendentemente stile, alcuni chitarristi hanno fatto il loro segno nel mondo della chitarra in modo che ogni chitarrista che arriva dopo di loro è un momento difficile sfuggire la loro eredità. Troverete qui, in ordine cronologico, a dieci chitarristi che contavano e perché contavano.

Andrés Segovia (1893-1987)

Non solo era Segovia il più famoso chitarrista classico di tutti i tempi, ma anche letteralmente inventato il genere. Prima del suo arrivo, la chitarra era uno strumento umile delle classi contadine. Segovia ha cominciato ad effettuare pezzi di Bach e di altre gravi di musica classica con la chitarra (scrive molti dei suoi trascrizioni), infine elevando questa attività "salotto" per uno stile di classe mondiale. La sua incredibile carriera artistica durata più di 70 anni. I suoi pezzi di firma sono di Bach "Chaconne" e di Albeniz "Granada".

Charlie Christian (1916-1942)

Charlie Christian ha inventato l'arte di chitarra jazz elettrico. I suoi assoli fluidi con grandi band e piccoli combo di Benny Goodman erano sofisticati, scintillante, e anni prima del loro tempo. Dopo ore, aveva l'abitudine di suonare con gli altri ribelli jazz al Minton a New York, dove le sue improvvisazioni avventurosi contribuirono a creare il genere conosciuto come bebop. Christian suonava la chitarra come un corno, che incorpora intervallare (non graduale) il movimento nelle sue linee. Le sue sigle sono "ho trovato un nuovo bambino", "Seven Eleven Vieni," e "Stardust".

Chet Atkins (1924-2001)

Conosciuto come "Mr. chitarra," Atkins è il chitarrista Paese definitivo. Sulla tecnica fingerpicking veloce Merle Travis ', Atkins raffinato stile, aggiungendo jazz, classica, pop e le sfumature per creare un vero e proprio sofisticato approccio paese-chitarra. Ha suonato con Elvis Presley, gli Everly Brothers, e innumerevoli stelle paese nel corso dei decenni. Le sue sigle includono "Stars and Stripes Forever" e "Yankee Doodle Dixie".

Wes Montgomery (1925-1968)

Un giocatore di jazz leggendario, marchio di Wes di cool jazz era basata sul fatto che ha usato il pollice per suonare le note, invece di un plettro per chitarra tradizionale. Un'altra delle sue innovazioni era l'uso di ottave (cioè due note in altri punti) per creare grasso, movimento, linee all'unisono. Morì giovane, ma i suoi sostenitori ancora lo chiamano uno dei grandi del jazz di tutti i tempi. Le sue sigle sono "Four on Six" e "Polka Dots e Moonbeams."

BB King (1925-)

Anche se non era il primo bluesman elettrico, BB King è facilmente il più popolare: la sua oscillazione, ad alta tensione stile chitarristico integra stagemanship carismatica e un enorme, voce gospel-alimentato. Insieme con il suo marchio di fabbrica ES-355 chitarra, soprannominato "Lucille," Re di tecnica assoli minimalista e massiccia Bending ha cementato il suo posto negli annali della storia del blues elettrico. Le sue sigle sono "Every Day I Have the Blues" e "The Thrill Is Gone".

Chuck Berry (1926-)

Forse primo eroe della chitarra vera rock, Berry utilizzato veloce, ritmica doppio ferma per creare la sua firma stile chitarristico. Anche se alcuni lo considerano allo stesso modo per le sue abilità di songwriting e lirico-scrittura, le sue pause sputafuoco fatte sue sigle "Johnny B. Goode", "Rockin 'negli Stati Uniti," e "Maybelline," in buona fede classici della chitarra.

Jimi Hendrix (1942-1970)

Considerato il più grande chitarrista rock di tutti i tempi, Hendrix fonde R & B, blues, rock, psichedelia e in una zuppa sonora affascinante. Il suo 1967 svolta al Monterey Pop Festival immediatamente riscritto il libro di testo chitarra rock, soprattutto dopo che ha sbattuto fuori la sua Stratocaster e accese il fuoco. Giovani chitarristi religiosamente copiare il suo lecca a questo giorno. Hendrix era conosciuto per il suo ardente abbandono (anche quando la sua chitarra non era in realtà in fiamme) e lavoro innovativo con feedback e la whammy bar. Le sue sigle sono "Purple Haze" e "Little Wing".

Jimmy Page (1944-)

Pagina riuscito Eric Clapton e Jeff Beck negli Yardbirds, ma lui non ha davvero trovato la sua nicchia fino a formare Led Zeppelin, uno dei grandi anni '70 gruppi rock. Forte di pagina era l'arte di chitarre di registrazione, stratificazione traccia su traccia per costruire fragorose valanghe di tono elettrificata. Eppure potrebbe anche suonare la chitarra acustica sublime, impiegano regolarmente accordature inusuali e influenze globali. Nei circoli di roccia, la sua creatività a sei corde in studio è impareggiabile. Le sue sigle includono "Stairway to Heaven" e "Whole Lotta Love".

Eric Clapton (1945-)

In molti modi, Clapton è il padre della chitarra rock contemporaneo. Prima di Hendrix, Beck, Page presentò, il Yardbirds dell'era Clapton era già fondendo blues elettrico di Chicago con la furia del rock 'n' roll. In seguito ha ampliato su questo stile in Crema, Blind Faith, e il leggendario Derek e gli Dominoes. Clapton finalmente è andato da solo, trasformandosi in uno dei più popolari artisti di registrazione degli ultimi 20 anni. Una vera leggenda vivente, le sue sigle includono "Crossroads" e "Layla".

Eddie Van Halen (1955-)

Equivalente di chitarra rock di Jackson Pollock, approccio splatter-note di Eddie Van Halen alla chitarra metal reinventato completamente lo stile a partire dagli anni '70. Si voltò due mani toccando in una tecnica comune di chitarra (grazie al suo innovativo "Eruption"), mentre superando i limiti della whammy bar e hammer-on esperienza. Egli è anche un maestro nel fondere il blues-rock con base di tecniche moderne, e suo modo di suonare il ritmo è uno dei migliori esempi di stile integrato (che combina riff basso-nota con accordi e doppio-stop). Un eroe della chitarra in tutti i sensi del termine, le sue sigle includono "Eruption" e "Panama."