Chi era Erik Erikson?

Erik Erikson è stato un importante teorico psicologica nello sviluppo del campo. Nato in Germania nel 1902, Erik Erikson apparentemente ha lottato con la sua identità durante l'infanzia. Non ha mai conosciuto suo padre, ed è cresciuto con un nome preso in prestito: Erik Homberger, dopo il suo patrigno, il dottor Theodore Homberger. Inoltre, anche se Erik era una bionda, ragazzo dagli occhi azzurri, la madre e il patrigno lo allevati nella fede ebraica, causando lo ancora di più il conflitto di identità.

In un atto fortemente simbolico, come un adulto si dava il nome di Erikson, che indica che la sua identità era dipendente da lui e nessun altro - rendendolo, di fatto, il proprio padre. Questi problemi di identità senza dubbio avuto più di un impatto sulla teoria fase di sviluppo Erik Erikson fondata come ha fatto l'educazione che ha ricevuto.

Da giovane, Erik Erikson viaggiato e studiato in Europa. Uno dei suoi insegnanti e mentori era Anna Freud, figlia di Sigmund Freud. Nel 1933, dopo aver studiato sotto Anna Freud per sei anni, Erik Erikson si trasferì negli Stati Uniti, dove ha insegnato psicologia presso diverse scuole prestigiose. Poiché la maggior parte della sua carriera - e la sua teorizzazione - è stata condotta negli Stati Uniti, Erik Erikson è considerato essere stato uno psicologo americano.

Le teorie di Erik Erikson ha mostrato l'influenza dalla sua formazione freudiana, così come dalla sua personale ricerca di identità. La sua teoria stadio di sviluppo adattato e ampliato le teorie di Freud di sviluppo del bambino. Mentre la teoria di Freud si fermò alla fine dell'infanzia, Erik Erikson ritiene che lo sviluppo ha continuato per tutta la durata della vita. La sua teoria comprendeva otto stadi, piuttosto che Freud cinque, e ciascuno è stato segnato da un conflitto di identità fondamentale.

Ad esempio, Erik Erikson teorizzato che durante l'infanzia, un bambino ha lottato con la decisione di fidarsi o diffidare i suoi caregivers. La decisione di fiducia prepara il bambino per il conflitto vissuto nella prossima fase - la fase di formazione vasino di toddlerhood, in cui un bambino impara autonomia sulle sue funzioni corporee. Tuttavia, se l'ambiente del bambino o esperienze lo portano a imparare sfiducia, le conseguenze lo seguono per il resto del suo sviluppo, alla fine produce un adulto di disadattati.

Ogni fase ha il suo unico crisi. I neonati che fare con problemi di fiducia, bambini imparano sia per essere autonomo o di dubitare se stessi, i bambini imparano sia a prendere l'iniziativa o sentire inadeguati, e bambini della scuola elementare verifichino settore o di inferiorità. Gli adolescenti, ovviamente, affrontare problemi di identità, uscendo dal periodo sia con un forte senso di chi sono o confusione di identità. Adulti, quali le teorie di Freud trascuratezza, lottano prima con intimità, poi con la produttività, e, infine, con le loro riflessioni sulla loro vita.

Una svolta sbagliata in una di queste fasi potrebbe produrre un qualsiasi numero di problemi psicologici. Pertanto, Erik Erikson ritiene che la psicoanalisi potrebbe aiutare gli adulti disadattati di imparare di nuovo le lezioni che avevano lottato con nell'infanzia. Erik Erikson morì nel 1994.

  • Lo psicologo Erik Erikson ha affermato che la psicoanalisi può aiutare gli adulti ad affrontare i problemi da loro infanzia.