Chi è Isocrate?

Isocrate fu il primo insegnante di scrittura di cui abbiamo record. Records approssimano la sua nascita in Grecia nel 436 aC, e la sua morte approssimativa, in 338. Quello che è chiaramente noto di Isocrate è che ha aperto una scuola di retorica ad Atene intorno al 393. La sua scuola precede di Platone. Una volta che Platone aveva stabilito la sua scuola, Isocrate 'venuto sotto attacco intenso prima da Platone, allora Aristotele.

Diversamente dalla maggior parte delle scuole di retorica dei tempi che furono tenuti da sofisti itineranti, Isocrate si definiva contro i sofisti. Il suo primo lavoro si intitola Contro i sofisti e più tardi tratta di nuovo il soggetto Antidosis e Helen. Voleva retorica e di parola riservato a scopo morale, proprio come Aristotele. Tuttavia, Aristotele avrebbe accettato solo chi espone il talento, e Isocrate sentito che anche quelli di meno talento potrebbe essere insegnati i fondamenti della buona scrittura.

Isocrate può aver sottolineato la scrittura sopra parlare perché era in particolare un pessimo oratore, con un filo di voce. E 'stato anche riferito timido. A differenza dei sofisti, i suoi annunci scolastiche non sono state manifestazioni pubbliche dei suoi poteri oratorio, ma piuttosto, tratti pubblicità i suoi metodi e filosofie.

Platone e altri erano sospettosi di scrittura per diversi motivi che Isocrate non condivideva, anche se può avere effettivamente studiato con Socrate. La tradizione orale è il mezzo principale di trasmissione della cultura in Grecia antica, quindi scrivere era sospetto. Inoltre, Platone credeva che i libri potrebbero facilmente cadere nelle mani sbagliate ed essere male interpretato, in tal modo di scrivere conoscenza era una pratica pericolosa.

Isocrate contrario riteneva che la scrittura è stato un atto importante di per sé, che dovrebbe essere insegnata. Gran parte della scrittura dopo Isocrate 'è in forma di lettere inviate ai governanti implorando loro di promuovere l'idea di una Grecia unita e guerre finali tra città-stato. Il suo impegno a pan-ellenismo servì da modello per gli studenti imparare a scrivere. La scrittura non era solo un esercizio per migliorare parlare, ma era anche importante come attività del cittadino di tutti i giorni.

Isocrate, nel suo concetto di scrittura con uno scopo, è molto imitato in scuole correnti di pensiero sulla scrittura. I giovani studenti sono spesso incoraggiati a scrivere lettere ai redattori di giornali, o lamentele o elogi lettere alle aziende. Insegnare a scrivere con uno scopo, invece dei soliti "a tema" saggi del passato è pensato per aiutare a sottolineare che la scrittura vera e propria può avere risultati concreti, e non è solo la provincia di coloro che vogliono scrivere per vivere.

Come insegnante, Isocrate era profondamente preoccupato non solo insegnare scrittura pratico, ma anche di aiutare i giovani contribuiscono attivamente alla società, una volta diventati cittadini. La sua scuola è diventato il modello per le successive scuole di retorica dei Romani. Egli ha sottolineare la propria agenda politica, che di continuo lavoro verso una Grecia unificato, ma la sua scuola è notevole come vera la prima del suo genere.

A differenza dei sofisti, Isocrate ha voluto scrivere per essere pratico, e non essere il tipo di visualizzazione oratorio dei sofisti, né la forma dialettica insegnato da Platone e poi Aristotele. Ha visto la necessità di chiara scrittura sia tratti politici e lettere. Il suo lavoro è ampia ed è stato molto preservata, rappresentando temi prevalentemente brevi e lettere. Purtroppo, non vi è alcuna traccia diretta dei suoi metodi di insegnamento, solo ciò che può essere dedotta dai suoi scritti.

Isocrate è spesso ignorato quando le persone esaminano le scuole della Grecia antica. Egli tende a rappresentare la via di mezzo tra i sofisti e le scuole di Platone e Aristotele. Studi recenti hanno reindirizzato interesse in Isocrate, come può propriamente essere chiamato il padre della composizione moderna.

  • Isocrate insegnò retorica nell'antica Atene.
  • Aristotele insegnava retorica, ma ha ammonito i suoi studenti ad utilizzare moralmente.
  • Platone non era d'accordo con il lavoro Isocrate '.