Che cosa è un amministratore di una tenuta?

Un amministratore di una tenuta è la persona responsabile per sistemare gli affari di qualcuno che è morto senza testamento. I suoi compiti varieranno in base alla situazione finanziaria del defunto. Egli sarà in genere la responsabilità di garantire che tutti i creditori sono pagati con i proventi della tenuta, la ricerca e contatto con gli eredi, e fare in modo che tali errori completano la documentazione necessaria per ricevere alcuna eredità a cui possono essere autorizzati. I compiti dell'amministratore di una tenuta sono generalmente gli stessi di quelli di un esecutore. Il termine esecutore è tipicamente usato per descrivere qualcuno che è nominato a tale ruolo dal defunto nella volontà del defunto. Un amministratore di una tenuta, d'altro canto, è nominato dal tribunale nel caso in cui qualcuno muore senza testamento.

Qualcuno può diventare un amministratore di una tenuta, se un amico o un familiare muore senza testamento. La persona può chiedere a un tribunale di successione per il permesso di servire come amministratore immobiliare, e un appuntamento o richiesta di nomina può essere contestata da altri che hanno una relazione con il defunto. Il tribunale deciderà l'amministratore di una tenuta, prendendo in considerazione il rapporto dell'amministratore per il defunto e come prova della capacità dell'amministratore di svolgere i compiti che gli sono richiesti. In qualità di amministratore immobiliare ha accesso ai conti finanziari della legge è deceduto può richiedere che l'amministratore messo un legame che garantisce l'integrità della tenuta. L'amministratore di una tenuta di solito deve completare un'ampia documentazione delle sue attività, dimostrando la Corte, eredi, e gli eventuali creditori che sta eseguendo le sue funzioni correttamente e in conformità con la legge.

Il processo per la risoluzione di una tenuta varia dalla legge locale, ma in genere comporta, almeno nelle sue fasi iniziali, l'assunzione di un avvocato e di altri professionisti, come ad esempio un commercialista o consulente finanziario in grado di consigliare l'amministratore sia la legge e modi di massimizzare il valore del patrimonio. L'amministratore deve quindi iniziare la ricerca di asset, i debiti, ed eredi. Una volta che il patrimonio del defunto si trovano, l'amministratore può quindi liquidare i beni al fine di compensare i creditori. Dopo tutti gli obblighi sono pagati, comprese le spese di giudizio, il risarcimento per eventuali professionisti di consulenza e proprie tasse dell'amministratore e dei costi, l'amministratore può iniziare a distribuire beni agli eredi del defunto in conformità con la legge.