Che cosa è il linguaggio Politica?

La politica di lingua termine si riferisce a tutti i modi in cui il linguaggio può essere utilizzato come leva per gestire le persone, guadagnare potere e promuovere gli interessi particolari. Ad esempio, molti paesi hanno una lingua ufficiale, e gli immigrati sono spesso tenuti a sapere che il linguaggio. La politica di lingua è dimostrato anche nel modo in cui certe parole vanno in disgrazia e diventano "politicamente scorretto". Se una persona usa queste parole obsolete, lui o lei potrebbe essere visto come un bigotto, o per lo meno, non illuminata. Alcune parole che fanno riferimento alla razza, al sesso, l'origine o l'orientamento sessuale può essere usato per fare danno emotivo alle persone.

I politici hanno il loro linguaggio particolare quando si tratta di politica linguistica. Essi utilizzano spesso formulazione vaga e eufemismi. Ad esempio, un politico potrebbe utilizzare la frase "i sacrifici dei nostri antenati" di influenzare elettori a sostenere una guerra. Al fine di lenire gli animi arrabbiato, lui o lei potrebbe parlare di "servizio alla nostra nazione" in un discorso su l'aumento delle tasse.

A volte il linguaggio dei politici non è così vago. "E 'l'economia, stupido", è stato il grido di battaglia di Bill Clinton durante la sua prima corsa alla presidenza degli Stati Uniti. James Carville, stratega della campagna di Clinton, si avvicinò con lo slogan, che aveva lo scopo di diffamare rivali politici per non affrontare le questioni economiche.

Paesi designare lingue ufficiali per semplificare le operazioni di governo, aspetti legali, la salute, la sicurezza e altre interazioni sociali. Le persone che non parlano la lingua ufficiale o riconosciuta possono essere emarginati. Possono avere difficoltà ad adattarsi alla loro nuova casa e un tempo più difficile trovare posti di lavoro - in particolare posti di lavoro che pagano bene. Negli Stati Uniti, l'inglese come seconda lingua (ESL) i corsi sono offerti. Sorprendentemente, gli Stati Uniti non hanno una lingua ufficiale, anche se l'inglese è la lingua de facto.

Le parole sono spesso un problema in politica lingua quando si tratta di riferimento a sesso, razza, origine e preferenze sessuali. Alcune di queste parole può diventare obsoleto. Se una persona non è a conoscenza di questo, lui o lei non è pensato per essere "politicamente corretto". Esempi di questo negli Stati Uniti si riferiscono alle donne come "pulcini" o si riferisce agli asiatici come "orientali".

Il detto comune, "Bastoni e pietre possono rompermi le ossa, ma le parole non potranno mai farmi del male," dovrebbe essere riconsiderato alla luce di discorsi di odio. Incitamento all'odio può essere definita come l'uso di parole sprezzanti o epiteti con l'obiettivo di provocare tumulto emotivo o danni. Le parole hanno davvero il potere in base alle emozioni e intenzioni di chi parla.

  • Se una persona usa certe parole obsolete, lui o lei potrebbe essere visto come un bigotto, o per lo meno, non illuminata da coloro che si vedono come essere politicamente corretto.
  • Politica di lingua si riferisce a tutti i modi in cui il linguaggio può essere utilizzato come leva per gestire le persone, guadagnare potere e promuovere gli interessi particolari.