Che cos'è la febbre tifoide?

Febbre tifoide è una malattia batterica che colpisce più di 21 milioni di persone in tutto il mondo ogni anno. Anche se di solito non letale nelle nazioni sviluppate, il tasso di mortalità nei paesi privi di opzioni mediche adeguate è sostanziale. Il batterio responsabile di questa condizione, Salmonella typhi si trasmette per via oro-fecale. Uno dei più grandi fattori che contribuiscono alla diffusione della febbre tifoide è igiene insufficiente tra manipolazione degli alimenti. Per questo motivo, molti paesi hanno istituito campagne per istruire gli operatori del settore alimentare di lavarsi le mani dopo aver usato un bagno.

Si stima che circa il 5% di coloro che contraggono la febbre tifoide può continuare a trasmettere dopo smettono presenti sintomi. Storicamente, il più famoso portante è senza dubbio tifoide Maria di New York. Era ritenuto responsabile per trasmettere la malattia a più di trecento persone durante il suo tempo come cuoco.

Febbre tifoide può essere trattata e impedito attraverso l'uso di un numero di antibiotici. Quando trattate correttamente, il tasso di mortalità è di poco inferiore all'1%, rendendo questa condizione una minaccia di basso livello per quelli in via di sviluppo. La maggior parte dei casi di malattia, tuttavia, sono contratte all'estero, spesso in paesi con una struttura medica insufficiente per trattare la condizione. Se non trattata, il tasso di mortalità sale a circa il 20%.

Febbre tifoide è comune in tutto il mondo in via di sviluppo, particolarmente diffuso in Africa, Asia e America Latina. I viaggiatori di questi luoghi sono spesso invitati a ricevere un vaccino prima di visitare, anche se attentamente osservando ciò che si mangia e beve durante il viaggio è altrettanto importante, in quanto il vaccino non protegge completamente. Ebollizione tutta l'acqua, evitando il ghiaccio, mangiare solo frutta e verdura che sono pelato, peeling del proprio cibo, stare lontano dal cibo di strada, e mangiare solo cibi che sono completamente cotti e ancora caldi sono alcune raccomandazioni per ridurre la probabilità di contrarre la febbre tifoide mentre in un paese a rischio.

I sintomi principali di febbre tifoide è una febbre alta prolungata, mal di testa ricorrenti, perdita di appetito, e debolezza. Un rash spotty potrà presentare su alcune persone che sono infette, anche se questo non dovrebbe essere dipendeva per l'identificazione. A causa della natura relativamente comune dei sintomi, di solito è impossibile diagnosticare questa condizione basata sull'osservazione solo. Gli esami del sangue o feci di solito sono necessari per verificare l'esistenza di Salmonella typhi.

Una volta diagnosticata, un vettore inizierà immediatamente su un ciclo di antibiotici, di solito ciprofloxacina, trimetoprim-sulfametossazolo, o ampicillina. Il processo di guarigione è abbastanza rapida, con la maggior parte dei pazienti espositrici grande recupero all'interno di solo un paio di giorni. Coloro che hanno contratto la febbre tifoide, anche una volta che sono stati trattati e sintomi sono scomparsi, può ancora portare i batteri. Per questo motivo, è importante continuare a prendere uno di antibiotici, di osservare attenti all'igiene, e ad astenersi da preparare o servire alimenti di qualsiasi tipo. Dopo qualche tempo è passato, un test di follow-up per la presenza di Salmonella typhi dovrebbe essere presa per determinare se i batteri è completamente scomparsi dal corpo.

  • Febbre alta, mal di testa, e la debolezza sono i sintomi primari di febbre tifoide.
  • Un vaccino contro il tifo può essere utile per le persone che hanno in programma di recarsi in alcuni paesi africani, asiatici e latino-americani.
  • Febbre tifoide è comune in tutto il mondo in via di sviluppo, in particolare in Africa.