Alla scoperta del Masters Barocco: Caravaggio ei suoi seguaci

Michelangelo Merisi da Caravaggio, conosciuto più semplicemente come Caravaggio (1571-1610), fu il pittore più grande e più influente dello stile barocco. Era anche un Boemia irascibile che è stato spesso in carcere per rissa e fu costretto a fuggire dalla legge e dai suoi nemici, fuga a Napoli, Malta e la Sicilia in tempi diversi. I suoi "viaggi" hanno contribuito a diffondere il suo straordinario stile, che fu presto imitata in tutta Europa.

Caravaggio infuso il suo lavoro con più naturalismo grintoso di ogni artista precedente, l'assunzione di persone comuni come modelli per i santi e apostoli, che ha scioccato molti dei suoi contemporanei. Ha sceneggiato sue scene religiose gettando una luce diagonale attraverso i suoi soggetti, mettendo in evidenza alcune delle loro caratteristiche (per sottolineare certe emozioni e azioni) e lasciando il resto in ombra.

Illuminotecnica di Caravaggio si chiama tenebrism, dalla parola italiana tenebroso, che significa "cupo" e "torbido". I suoi dipinti raccontano momenti culminanti mentre potentemente suggerendo gli eventi che precedono e li seguono.

Caravaggio ha creato i suoi effetti di luce drammatici lasciando flusso di luce naturale attraverso una finestra alta o con una lampada ad alta posta che ha gettato un fascio verso il basso sulla suoi sudditi. Questa tecnica, nota come illuminazione cantina, produce effetti drammatici se l'artista posiziona bene i suoi modelli.

In vocazione di San Matteo (1599-1600, realizzato per la Cappella Contarelli), la luce in cantina barre attraverso la parete di fondo e illumina i volti di alcuni uomini si affollavano intorno a un tavolo di legno dove Matthew conta i suoi soldi. Tre compagni di Matteo considerano Gesù, che è appena entrato e si trova nell'ombra. L'illuminazione cantina in streaming attraverso la finestra quasi traccia la linea del dito indice di Gesù ', che punta al pubblicano Matteo, che sta per cambiare lavoro. Ma il futuro resiste apostolo, evitando gli occhi di Gesù 'e fissando ostinatamente alla pila di monete sul tavolo. Il dipinto mostra il braccio di ferro in corso all'interno Matthew. La tensione tra luce e buio, tra il puntare il dito e guardando gli occhi guardando in direzioni opposte, aumenta il dramma al punto di rottura.

Si noti che, nonostante la riluttanza di Matteo a firmare su, piedi di Gesù 'sono già rivolti verso l'uscita e il futuro. Caravaggio fu il primo a rappresentare un unico momento di tensione e lasciare che la tensione allungare il momento avanti e indietro nel tempo.

Per aiutare a rompere la barriera tra un dipinto e lo spettatore, Caravaggio e altri pittori barocchi collocati oggetti altamente illusionistici - un letto, una ciotola di rame, piede di qualcuno - sul bordo inferiore della loro dipinti in modo che gli oggetti sembrano proiettare nello spazio dello spettatore . Si sente che è possibile toccare questi oggetti, in modo da diventare più coinvolti nel dipinto.

Orazio e Artemisia Gentileschi erano due artisti che sono stati influenzati da Caravaggio.

Orazio Gentileschi: lato dolce del Barocco, più o meno

Orazio Gentileschi (1563-1639) è stato il primo di molti seguaci di Caravaggio. Gentileschi ha sottolineato il realismo come Caravaggio e mise le soggetti vicini allo spettatore in un momento di stop-azione come nel suo The Lute Player (1610). In questo dipinto sensibilità resa, un suonatore di liuto femminile, illuminato da luci cantina di Caravaggio, strimpella dolcemente il suo strumento. E 'un bel lavoro, ma non c'è nessuna tensione e nessuna sensualità agitazione come di Caravaggio Le Musicians (1595-1596) e The Lute Player (1595-1596). La stop-azione nel dipinto Gentileschi è davvero fermato. Il momento congelato non ci tirare in più direzioni, come in un quadro di Caravaggio. Una delle opere più commoventi del Gentileschi è la sua Madonna col Bambino della Galleria Borghese di Roma. Il calore di gara nel volto della madre mentre lei guarda il suo bambino è amplificato dalla luce.

Ombra e luce drammi: Artemisia Gentileschi

Artemisia Gentileschi (1593-c. 1652), non è stata l'unica artista femminile in epoca barocca, ma è uno dei pochi a dipingere quadri storici e religiosi. La maggior parte degli altri artisti di sesso femminile sono stati incasellati in ritratto, natura morta, e dipinti devozionali.

Tra le più grandi opere di Artemisia sono Susanna ei vecchioni (1610), Judith slavi Oloferne (1620), e Lucrezia (1621). Come le eroine Lucrezia e Susanna ei vecchioni, Artemisia è stata violentata. La sua esperienza personale risuona in queste opere. Come suo padre Orazio e Caravaggio, Artemisia mise le figure intimamente vicino allo spettatore.