Qual è il problema di induzione?

02/10/2012 by admin

Il problema di induzione è una domanda tra i filosofi e le altre persone interessate nel comportamento umano che vogliono sapere se il ragionamento induttivo, una pietra miliare della logica umana, in realtà genera informazioni utili e significative. Un certo numero di filosofi noti, tra cui Karl Popper e David Hume, hanno affrontato questo argomento, e continua ad essere un argomento di interesse e discussione. Ragionamento induttivo è spesso difettoso, e quindi alcuni filosofi sostengono che non è una fonte affidabile di informazioni.

Nel corso del ragionamento induttivo, una serie di osservazioni vengono utilizzati per trarre una conclusione sulla base dell'esperienza. Un problema con questa logica è che solo perché un insieme di esperienze supporta tutte una conclusione logica non significa che qualcosa non è là fuori a contraddire tale conclusione. Uno degli esempi più noti è quello del cigno nero. Un soggetto vede una serie di cigni bianchi e conclude sulla base di queste informazioni che tutti i cigni sono bianchi, come la bianchezza deve essere uno stato intrinseca di cigni. Quando questa persona vede un cigno nero, si confuta tale conclusione e illustra il problema dell'induzione.

Gli esseri umani sono costretti a prendere decisioni logiche sulla base del ragionamento induttivo costantemente, e talvolta tali decisioni non sono affidabili. In finanza e gli investimenti, ad esempio, gli investitori si affidano a loro esperienze con il mercato per fare ipotesi su come il mercato si muoverà. Quando sono inesatte, possono incorrere in perdite finanziarie. Dopo il fatto, capiscono che la conclusione raggiunsero era sbagliato, ma non avevano modo di essere in grado di prevedere quando il mercato sempre si comportava in un modo che ha trovato le loro aspettative prima.

Il problema di induzione può svolgere un ruolo chiave nella comprensione delle probabilità e come le persone a prendere decisioni. In una situazione in cui conclusioni cerniera su una serie di osservazioni positive negative senza contraddirli, le conclusioni potrebbero essere espressi con maggiore precisione in termini di probabilità, al contrario di statistiche. Ad esempio, se un pilota non è mai sceso da cavallo e si prepara a provare un nuovo mount, si potrebbe dire che è improbabile che essere gettato, basato sulle sue esperienze precedenti, ma non dovrebbe escludere la possibilità del tutto.

Grazie al problema di induzione, la gente può prendere decisioni sulla base delle informazioni limitate, e questo può portare loro di effettuare scelte sbagliate. Ogni evento che rafforza la conclusione viene preso come una prova ulteriore di supporto per la conclusione, invece di un altro punto di dati da considerare. Questo può creare un falso senso di fiducia. Il problema di induzione può anche svolgere un ruolo in fallacie logiche, come la convinzione che una correlazione osservata è la prova del nesso di causalità.

  • Un famoso esempio del problema di induzioni riguarda qualcuno che pensa tutti i cigni devono essere bianchi, perché è tutto quello che ha visto.

Articoli Correlati