Che cosa è una deviazione standard dei rendimenti?

01/05/2013 by admin

La deviazione standard dei rendimenti è un modo di utilizzare principi statistici per stimare il livello di volatilità delle azioni e altri investimenti, e, quindi, il rischio che comporta l'acquisto in loro. Il principio si basa sull'idea di una curva a campana, dove l'alto punto centrale della curva è la media o la percentuale media attesa del valore che lo stock è più probabile per tornare alla partecipante in un dato periodo di tempo. A seguito di una curva di distribuzione normale, come si ha sempre più lontano dal rendimento medio atteso, la deviazione standard dei rendimenti aumenta gli utili o le perdite realizzate sugli investimenti.

Nella maggior parte dei sistemi artificiali e naturali, curve a campana rappresentano la distribuzione di probabilità dei risultati effettivi in ​​situazioni che comportano rischi. Una deviazione standard dalla media costituisce il 34,1% dei risultati effettivi sopra o sotto quello che è il valore atteso, due deviazioni standard di distanza costituisce un ulteriore 13,6% dei risultati effettivi e tre deviazioni standard dalla media costituisce un altro 2,1% dei risultati. Ciò significa in realtà è che, quando un investimento non restituisce la quantità media attesa, circa il 68% del tempo devierà ad un livello superiore o inferiore di un punto deviazione standard e il 96% del tempo che devierà da due punti. Quasi il 100% del tempo, l'investimento discostarsi da tre punti dalla media, e, oltre a questo, la crescita del livello di perdita o di guadagno per l'investimento diventa estremamente raro.

Probabilità prevede, quindi, che un ritorno di investimento è molto più probabile che sia vicino al rendimento atteso medio di più lontano da esso. Nonostante la volatilità di qualsiasi investimento, se segue una deviazione standard dei rendimenti, il 50% del tempo, restituirà il valore atteso. Cosa ancora più probabile è che il 68% del tempo, sarà in una deviazione del valore atteso e, 96% del tempo, sarà entro due punti del valore atteso. Calcolo rendimento è un processo di tracciare tutte queste variazioni su una curva a campana, e il più spesso sono lontani dalla media, maggiore è la varianza o volatilità dell'investimento è.

Un tentativo di visualizzare questo processo con i numeri reali per la deviazione standard dei rendimenti può essere fatto utilizzando una percentuale di ritorno arbitraria. Un esempio potrebbe essere un investimento azionario con un tasso di rendimento medio atteso del 10% con una deviazione standard dei rendimenti del 20%. Se lo stock segue una normale curva di distribuzione di probabilità, ciò significa che il 50% del tempo, tale stock restituisce effettivamente un rendimento del 10%. È più probabile, tuttavia, al 68% del tempo, che lo stock può aspettare di perdere il 20% di tale tasso di ritorno e restituire un valore di 8%, o di ottenere un ulteriore 20% del valore di ritorno e restituire una percentuale effettiva del 12%. Ancora più probabile generale è il fatto che, il 96% del tempo, lo stock può perdere o guadagnare il 40% del suo valore di ritorno per due punti di deviazione, che significa che restituirebbe qualche parte tra il 6% e il 14%.

Maggiore è la deviazione standard dei rendimenti è il più volatile lo stock è sia per aumentare guadagni positivi e aumento delle perdite, quindi una deviazione standard dei rendimenti del 20% rappresenterebbe molto più varianza di un 5%. Come varianza si allontana dal centro della curva a campana, è meno probabile che si verifichi; Tuttavia, allo stesso tempo, tutti i possibili risultati vengono contabilizzati. Ciò significa che, a tre deviazioni standard, quasi ogni possibile situazione reale è tracciata al 99,7%, ma solo il 2,1% del tempo fa un rendimento effettivo su un investimento scendere tre deviazioni dalla media, che, nel caso di l'esempio, sarebbe un ritorno di qualche parte intorno al 4% o 16%.


Articoli Correlati