Che cosa è la giurisprudenza islamica?

Giurisprudenza islamica è un sistema di teoria del diritto e della pratica, nota come fiqh, che si basa sulla legge sacra, o sharia, derivato direttamente dal Corano, la Sunna, e l'Antico Testamento. Questi materiali originali di origine sono stati ampliati e interpretati da giuristi islamici e insegnanti. Le sentenze e le dottrine della giurisprudenza islamica coprono molti settori, ma molta attenzione è dedicata ai temi della fede e della pratica religiosa. Problemi che riguardano la coesione e la struttura delle comunità sono fondamentali anche per questo sistema di dottrina giuridica.

Tutte le principali religioni monoteiste Lâ € s hanno una tradizione di legge religiosa. Tutto base di quelle tradizioni in materia di fonti scritturali che sono tenuti ad essere infallibili, e tutti poi estrapolare da tali fonti per rispondere alle domande di là della portata diretta dei materiali di base originale. In giurisprudenza islamica, le opinioni degli studiosi del diritto, o faqih, sono dati grande peso, ma non sono considerate essere assolutamente corretta e possono essere contestati. Comandamenti diretti da scrittura non possono essere contraddetti, ma, come è il caso con le altre religioni monoteistiche, può essere interpretata, nell'ipotesi che, mentre l'intento divino è eterno e perfetto, la comprensione umana non è certo, e potrebbero cambiare e migliorare con il tempo .

Studiosi legali nel mondo islamico hanno concentrato gran parte della loro attenzione su questioni di comportamento, e classificare diverse azioni su uno spettro compreso obbligatori, consigliati consentiti, scoraggiato, e proibiti attività. La preghiera, il digiuno e la carità sono tra le azioni obbligatorie, mentre blasfemia e atti che violano i Dieci Comandamenti sono tra quelli che sono vietate.

Le pratiche religiose sono strettamente regolati dalla giurisprudenza islamica. La pratica della preghiera quotidiana e di pellegrinaggio sono spiegate. Altre pratiche di rilevanza soprattutto spirituale, spesso hanno a che fare con i tabù legati alla pulizia, sia fisica che spirituale, sono anche affrontati.

La comunità occupa un posto molto importante nel pensiero islamico e è altrettanto importante in giurisprudenza islamica. Fiqh affronta i problemi della carità e l'economia nel tentativo di mitigare gli effetti dirompenti sia ricchezza e povertà, incaricando tali pratiche come una tassa sui ricchi musulmani a essere usato per aiutare i poveri. La famiglia è vista come un elemento chiave della comunità, e gran parte di offerte giurisprudenza islamica con questioni relative al matrimonio e il divorzio e gli scambi di proprietà che li accompagnano, così come le grandi alleanze familiari che i matrimoni sono stati spesso destinate a promuovere.

Divisioni sono sorti tra il faqih, come giurisprudenza islamica è evoluta in direzioni diverse all'interno di diverse parti del mondo islamico. La spaccatura più pronunciata è tra sunniti e sciiti, come i diversi usi e costumi di questi due gruppi sono stati incarnati in due diverse concezioni del diritto. Ognuna di queste due parti è fratturato pure, e dibattiti su questioni di diritto continuano all'interno di entrambe le comunità.

  • Nei luoghi in cui Chiesa e Stato sono separati, Sharia è usata per interpretare il comportamento, ma non infliggono punizioni.
  • Nel mondo islamico, blasfemia e atti che violano i Dieci Comandamenti sono vietati.
  • Hadith, una raccolta di scritti di Maometto e gli altri, fa parte della base per la giurisprudenza islamica.
  • Giurisprudenza islamica è in parte basato sul Corano.